Archivi tag: michelozzo

L’Annunciazione dell’Angelico: qualche doverosa precisazione (seconda parte).

Ammetto possa da parte mia esser stato un ingeneroso eccesso di zelo contestare alla quotidiana opera rischiaratrice delle guide turistiche un errore tanto poco sostanziale quale quello preso in considerazione la volta scorsa. In fondo, saper se lo scalone ci fosse o meno quando l’Angelico scelse dove dipingere la sua Annunciazione nulla toglie o aggiunge alla comprensione di quest’ultima né al piacere che se ne trae. Discorso ben diverso, tuttavia, laddove coloro improvvidamente si avventurino lungo i sentieri che conducono alla sostanza stessa dell’immagine o su per gli scoscesi terreni che introducono alla sua decifrazione. E proprio di questo ci occuperemo in questo secondo episodio del nostro viaggio attraverso i luoghi comuni che circondano il capolavoro del frate-pittore mugellano. Un viaggio – lo ricordiamo – che vuol essere anche, o soprattutto, una campagna contro quei luoghi comuni, in nome di quel vecchio adagio che diceva esser la conoscenza nemica acerrima così della facilità come dell’appagamento.   Continua a leggere

Beato Angelico alla nuova Galleria Sabauda di Torino. Piccola indagine sulla Madonna col Bambino, capolavoro da riscoprire.

inaugurazione esternoNuovo allestimento La Stampa

Fiore all’occhiello del Polo Reale di Torino, il 6 dicembre scorso è stata riaperta al pubblico la Galleria Sabauda, trasferita e riallestita nella “Manica Nuova”, l’ala umbertina di Palazzo Reale. Quattro piani, 8000 metri quadri, oltre 500 opere, capolavori di arte italiana e un’ imperdibile collezione fiamminga e olandese. Accanto a Mantegna, Veronese, Guercino e Tiepolo, si distinguono van Eyck, Memling, van Dyck e Rebrandt. Una galleria di gusto europeo, frutto del collezionismo di casa Savoia, istituita da Carlo Alberto nel 1832. Tra i dipinti più amati dal pubblico, una straordinaria Madonna col Bambino di Beato Angelico. Opera piena di fascino, ricca di dettagli, significati e simbologie. Ma non mancano i dubbi, gli aspetti poco chiari e gli interrogativi che, ancora oggi, attendono una risposta. Continua a leggere