Archivi tag: chiostri

Giornate del Patrimonio a San Marco: apertura serale, visite guidate gratuite al Cenacolo di Sant’Apollonia e al Chiostro dei Silvestrini

12439421_10204711745308014_1467430727645988385_n

In occasione delle Giornate del Patrimonio Europeo 2016 (24-25 settembre), il Museo di San Marco promuove tre eventi speciali: Continua a leggere

Le Storie di San Francesco negli affreschi del ‘600 a Borgo a Mozzano. Benozzo Gozzoli, l’ “albero della conformità”, il “pranzo mistico” e altre suggestioni

12-pranzo-mistico-chiara-francesco-bis

E’ trascorso quasi un anno da quando, incuriosito dalla presenza di un raro soggetto francescano in un dipinto del Museo di San Marco, cercai di offrirne una nuova lettura: il pranzo mistico di Santa Chiara e San Francesco.  Lo stesso soggetto ricompare oggi, dopo il restauro,  in una lunetta del chiostro del Convento di San Francesco a Borgo a Mozzano, in provincia di Lucca,  parte di un ciclo secentesco dedicato alla vita del Santo di Assisi. Su storia e iconografia del ciclo, è uscito da poco uno studio, a cura di Christopher Stace (A sua immmagine, 2016). Basato su fonti agiografiche e artistiche, è un bell’esempio, così raro in Italia, di alta divulgazione culturale: rigoroso, ma al tempo stesso chiaro e accessibile a tutti, ricchissimo di immagini. Continua a leggere

Festa di San Giovanni al Chiostro dello Scalzo: visite guidate gratuite il 24, 25, 26 giugno

Chiostro dello Scalzo - Andrea del Sarto - Battesimo di Cristo, affresco-1

Nei pressi di piazza San Marco, il piccolo Chiostro dello Scalzo (via Cavour, 69, accanto all’Ufficio Postale) è uno dei luoghi d’arte meno conosciuti di Firenze. Eppure, custodisce un grande tesoro: uno straordinario ciclo di affreschi di primo ‘500, dedicati alle Storie di San Giovanni Battista, tra le opere più importanti di Andrea del Sarto (il pittore “senza errori”, come lo definisce Vasari). Continua a leggere

Il crocifisso segreto di Beato Angelico, l’albero dei domenicani, la vite mistica e altre divagazioni attorno all’affresco del Capitolo di San Marco

croce-Angelico

Anche se il restauro della grande Crocifissione di Beato Angelico, nella sala del Capitolo di San Marco, si è concluso prima dell’estate 2014, solo pochi giorni fa, in occasione della conferenza di presentazione al pubblico del relativo volume di studi, è stata resa nota la scoperta, all’interno dell’affresco, di una piccola sagoma cruciforme. Poco più di un’ombra, enigmatica e suggestiva, riapparsa dopo secoli di oblio. Continua a leggere

Natale 1956. Gli auguri del sindaco La Pira dal chiostro di San Marco: un messaggio di pace e civiltà

1

Per il programma Buon Natale ovunque tu sia!, nel 1956 la Rai manda in onda Speciale Natale, una serie di messaggi di auguri da parte di personaggi famosi nel mondo della cultura, dell’arte e dello spettacolo. Si tratta di Carlo Carrà, Diego Calcagno, Franco Interlenghi e Antonella Lualdi, Vasco Pratolini, Giuseppe Ungaretti. L’ultimo messaggio è di Giorgio La Pira, sindaco di Firenze, che parla dal primo chiostro del Museo di San Marco. È un filmato di estremo interesse, sia per le immagini d’epoca del chiostro di Sant’Antonino, sia, soprattutto, per l’augurio di pace e civiltà che da Firenze e da San Marco, dal “chiostro del Savonarola e del Beato Angelico”, viene rivolto a “tutti i popoli del mondo intero”. Continua a leggere

Il Museo di San Marco com’era una volta. Agli Uffizi, una mostra di fotografie scattate ai primi del Novecento.

copertina catalogo

Fino al prossimo 1 febbraio, nella “Sala del camino” degli Uffizi è visitabile la mostra “IERI. I Musei”, curata da Marilena Tamassia, che dirige il Gabinetto Fotografico della Soprintendenza. Oltre cinquanta fotografie in bianco e nero, scattate fra la fine dell’800 e gli anni Venti del ‘900, documentano gli allestimenti storici di alcuni dei più importanti musei fiorentini: Uffizi, Accademia, Galleria d’Arte moderna, Bargello, San Marco e Cenacolo di San Salvi. Dal Museo di San Marco, in particolare, provengono fotografie di assoluta suggestione, fra cui l’immagine simbolo della mostra e copertina del catalogo. Vedute lontane e seducenti, quasi irreali ed astratte. Che ci parlano degli spazi espositivi di “ieri” e, allo stesso tempo, ci interrogano sui significati e le funzioni dei musei al giorno d’oggi. Continua a leggere